Volterra

Da città  dell’Alabastro a set di Twilight a 32 Km dal nostro agriturismo

Il borgo di Volterra ha ritrovato di recente grande popolarità tra i turisti (soprattutto stranieri) dopo essere stato scelto come set per girare il secondo capitolo della saga di Twilight, New Moon.

Cosa visitare a Volterra

Volterra è un borgo perfettamente conservato nel suo aspetto antico ed è completamente circondato da mura medievali risalenti al XIII secolo. Le mura si aprono su diversi lati per lasciar spazio alle porte di acceso alla città (Porta all’Arco, Porta a Selci, Porta Marcoli, Porta di Docciola, Porta San Francesco, Porta Fiorentina, Porta San Felice e Porta Diana). Nel borgo si possono ammirare:

  • Piazza dei Priori una delle piazze più belle d’Italia sulla quale si affaccia il solenne Palazzo Comunale (o dei Priori). Il Palazzo, risalente al XIII secolo, è ricco di elementi decorativi, tra i quali spiccano le targhe di terracotta smaltata che rappresentano gli stemmi delle famiglie fiorentine più potenti.
  • Sempre sulla Piazza dei Priori svettano il Palazzo Pretorio e la Torre del Porcellino, chiamata così per la presenza, sopra ad una mensola, della figura di un maialino.
  • A breve distanza dalla Piazza dei Priori si trova la meravigliosa Cattedrale di Santa Maria Assunta. costruita nel 1120, con accanto la Torre Campanaria del 1493.
  • Da Piazza dei Priori e Piazza Duomo si diramano, disordinati e sinuosi, i vicoli più affascinanti di Volterra. Andando in direzione Nord rispetto alla Piazza dei Priori si raggiungono le Mura Etrusche e un belvedere per ammirare (e fotografare) le cosiddette “Balze di Volterra”.
  • Tra le cose da non perdere a Volterra c’è anche il Teatro Romano, costruito in epoca Augustea e ancora ben conservato.

L’alabastro a Volterra: una tradizione antica di migliaia di anni

Non si può parlare di Volterra senza pensare all’alabastro, sono trascorsi più di due millenni da quando gli Etruschi ne iniziarono la lavorazione, ma l’alabastro si lavora ancora in Volterra con un artigianato artistico che vanta una storia e una nobiltà di tradizioni che si respirano in ogni angolo.

 

San Gimignano

La città delle torri che ripropone un’atmosfera di tempi passati a soli 50 Km

Nel 1282 il governo di San Gimignano promulgò una legge che impediva di abbattere le vecchie case se non per costruirne di più belle. Da lì a un secolo, San Gimignano avrebbe raggiunto il suo massimo splendore e poi la decadenza, che l'ha salvata da cambiamenti radicali. La cittadina medievale è quindi quasi identica alla San Gimignano medievale. Purtroppo delle 72 torri (una per ogni famiglia benestante) costruite nel medioevo, oggi ne restano solo 13.

Cosa visitare a San Gimignano

  • Il Duomo e Piazza del Duomo a San Gimignano. Se il Duomo è il simbolo religioso di San Gimignano, il Palazzo del Popolo è il suo corrispettivo civico. Insieme, a pochi metri uno dall'altro, formano lo straordinario insieme architettonico di Piazza del Duomo. La semplicità della facciata romanica del XII secolo del Duomo contrasta con i capolavori che si possono ammirare sulle sue pareti. Nella stessa piazza si può ammirare il Palazzo Comunale (o del Podestà) che si trova sulla sinistra, tra la Torre Grossa e la Loggia del Comune.
  • La Torre Grossa di 54 metri risalente al XIV secolo su cui è possibile salire per godere dello spettacolo dall’alto di tutta la cittadina e del panorama collinoso circostante.
  • Straordinariamente scenografica, Piazza della Cisterna si trova alla sommità della collina su cui è costruita la cittadina toscana. Prende il nome dal pozzo ottagonale che si trova nel centro, e fu costruita per volontà del Podestà Guccio dei Malavolti, il cui stemma (una scala) è scolpito sulla pietra del pozzo.
  • La Rocca di Montestaffoli era sede durante il medioevo del vescovo di Volterra. La rocca era utilizzata anche per ospitare il mercato e quindi molto attiva durante il XIV secolo. Al giorno d’oggi rimangono solo le possenti due cerchie murarie da dove comunque poter ammirare una incantevole vista di San Gimignano e attualmente viene utilizzata come luogo per eventi e concerti estivi.

Museo della Tortura a San Gimignano

Se volete scoprire gli infiniti modi che gli uomini hanno inventato per torturare altri uomini nei secoli e non siete facilmente impressionabili, il Museo della Tortura merita una visita. Il Museo espone su tre piani un percorso completo sui metodi di tortura di tutto il mondo, con strumenti e attrezzi originali di varie epoche.

 

Pisa

La città  di Galileo Galilei e della “Torre pendente” a solo mezz’ora dal vostro soggiorno.

Pisa, nonostante le sue modeste dimensioni, ha avuto un ruolo centrale nella Storia italiana in diverse epoche, in particolare quando, da Repubblica Marinara, insieme ad Amalfi, Genova e Venezia dominava le rotte commerciali nel Mediterraneo.

Cosa visitare a Pisa

Per una anche fugace visita in città  ci sono almeno 5 cose che si devono assolutamente vedere:

  • La Torre di Pisa è il monumento-simbolo della città Edificata fra il XII e il XIV secolo, la Torre di Pisa è il campanile della Cattedrale di Santa Maria Assunta, anche se è separato dall’edificio principale. La Torre di Pisa è “pendente” a causa di un lento ma progressivo cedimento del terreno sottostante.
  • Piazza dei Miracoli, una volta ammirata la Torre di Pisa è giunto il momento di volgere lo sguardo alle meraviglie che la circondano. La cosiddetta “Piazza dei Miracoli”, ribattezzata così da Gabriele d’Annunzio a per definire qualcosa di difficilmente descrivibile a parole. Dichiarata Patrimonio dell’Umanità  dall’UNESCO, la Piazza dei Miracoli di Pisa comprende, oltre alla Torre pendente, il Duomo di Santa Maria Assunta, il Battistero di San Giovanni e il Camposanto Monumentale.
  • Piazza dei Cavalieri era il cuore pulsante della vita comunale nella Pisa antica. Qui, nella Torre della Muda (successivamente soprannominata “Torre della Fame”), fu imprigionato il conte Ugolino della Gherardesca lo stesso narrato da Dante nel XXXIII canto dell’Inferno nella “Divina Commedia”.
  • Il quartiere di Borgo Stretto è il più suggestivo di Pisa se non altro perché nasconde le altre due torri pendenti di Pisa: la prima fa parte della Chiesa di San Nicola ed è inclinata di circa 2,5 gradi; la seconda è quella della Chiesa di San Michele degli Scalzi, inclinata di ben 5 gradi.
  • I Lungarni spettacolari di giorno, ma soprattutto al tramonto. Il più bello è il Lungarno Mediceo, costeggiato dalle elegantissime dimore delle Signorie pisane d’un tempo, come Palazzo dei Medici e Palazzo Toscanelli, ma anche da altri pezzi di storia della città come la Chiesa di San Matteo in Soarta, che oggi ospita un interessante museo.

La Luminara di San Ranieri

Il 16 Giugno di ogni anno nel giorno di San Ranieri ha luogo la Luminara occasione in cui Pisa viene illuminata da centinaia di luci di candele e la notte si accende di colori caldi e atmosfere romantiche.

 

Firenze

La "Culla del Rinascimento"  a meno di un’ora  dalla vostra oasi di pace.

Firenze è una meta speciale. Intrigante per chi la visita la prima volta, meravigliosa per chi ci prende un po' di confidenza. Non solo i percorsi canonici, ma anche quelli più particolari e meno battuti hanno il loro fascino.

Cosa visitare a Firenze

  • Piazza del Duomo è il cuore di Firenze. Qui troneggia il magnifico Duomo, o Cattedrale di Santa Maria del Fiore, con la famosa cupola del Brunelleschi, il Battistero con la bronzea Porta del Paradiso ed il Campanile di Giotto, dal quale potrete godere di un’incredibile vista sulla città.
  • Percorrendo via dei Calzaiuoli si raggiungere la bellissima Piazza della Signoria, per secoli al centro della vita politica di Firenze. Qui l’imponente Palazzo Vecchio, sede attuale del comune cittadino, alla sua destra si può ammirare l’affascinante Loggia dei Lanzi, dove sono collocate alcune famosissime statue, come il Perseo di Benvenuto Cellini. In Piazza della Signoria si trova anche la Fontana del Nettuno di Ammannati ed il monumento equestre di Cosimo I del Giambologna.
  • A pochi passi da Palazzo Vecchio si trova la Galleria degli Uffizi noto per la vasta collezione di opere del Rinascimento, come l’Allegoria della Primavera e la Nascita di Venere del Botticelli. Se intendete visitare gli Uffizi, è consigliato prenotare i biglietti di ingresso  al museo in anticipo, cosa che vi permetterà di evitare di perdere del tempo prezioso nelle lunghe file all’entrata del museo.
  • Nella omonima Piazza, rinnovata di recente, si affaccia una delle chiese più belle di Firenze: la Chiesa di Santa Maria Novella inizialmente edificata nel 1279. La facciata della chiesa è in marmo bianco e verde ed è stata disegnata da Leon Battista Alberti, mentre la splendida Cappella Tornabuoni è stata affrescata dal Ghirlandaio.
  • Se volete godere di un’incredibile vista panoramica della città, recatevi al Piazzale Michelangelo, da qui potrete godere di una eccezionale vista di tutto il centro storico di Firenze.

Il Ponte Vecchio a Firenze

Non tutti sanno che sul Ponte più bello di Firenze (e uno dei più famosi al mondo) fino al 1565 non erano le botteghe degli orafi a dominare ma le botteghe dei verdurai e dei macellai. Quando nel 1565 venne costruito il Corridoio Vasariano che sovrasta Ponte Vecchio, i beccai e i verdurai vennero fatti sloggiare a favore di orafi ed artigiani, ritenuti mestieri più adatti alla bellezza del luogo.

 

Siena

La citta del  Palio a  poco più di un’ora dal nostro Resort.

Nonostante Siena non sia vicinissima al nostro agriturismo merita una visita già solo per percorrere la strada che vi conduce, strada che vi porterà, attraverso una campagna incontaminata, ad ammirare paesaggi difficilmente descrivibili. Siena è una città da scoprire con calma, ricca di tesori artistici e culturali che rimangono nel cuore del visitatore. E’ rimasta uguale a come era nel Medioevo conservando intatta quell’atmosfera affascinante che colpisce immediatamente.

Cosa visitare a Siena

Sono così tante le opere presenti che è difficile dire cosa visitare ma sicuramente non potete perdervi:

  • Piazza del Campo a Siena è considerata una delle più belle piazze del mondo. Ha una forma a conchiglia a 9 spicchi, particolare che si può ammirare solo dall'alto della Torre del Mangia. Dal 1300 è il centro della vita di Siena ed ha svolto la funzione di mercato e luogo di raccolta dei senesi durante momenti politici importanti, feste e giostre. Come accade ancora due volte l'anno durante il famoso Palio.
  • Se soffrite di vertigini, forse non è il caso di avventurarsi fino agli 88 metri della Torre del Mangia. Da lassù si gode di uno spettacolo mozzafiato. Si vede tutta Siena: da Piazza del Campo, al Duomo, alle colline lontane. La torre prende il nome da Giovanni di Duccio, primo custode che si godeva la vita spendendo tutti i suoi guadagni mangiando nelle osterie di Siena.
  • Il Duomo, dedicato a Maria Assunta, è un altro gioiello della città. La sua facciata colpisce immediatamente, ma l’interno è ancora più ricco di tesori: affreschi del Pinturicchio, statue di Michelangelo, il Pulpito di Nicola Pisano oltre ai pavimenti, agli affreschi ed alle tele che raccontano le principali storie bibliche. Alle sue spalle si trova il Battistero caratterizzato da una Fonte Battesimale in marmo e bronzo.

Le contrade di Siena

Le 17 Contrade come le conosciamo oggi sono rimaste immutate dal 1729. Precedentemente erano molte di più ma, da quell'anno, la Governatrice Violante Beatrice di Baviera sancì con un "Bando sui confini" l'attuale suddivisione della città all'interno delle mura. Esistono molte rivalità tra le Contrade cittadine, alcune di origini antichissime altre risalenti al 900, molte delle quali trovano origine nei problemi di confini  o in episodi accaduti durante una delle edizioni del Palio.

 

Lucca 

La citta dalle possenti  mura difensive a 50 minuti dal vostro soggiorno

ll modo migliore per partire alla scoperta di Lucca è guardarla dall'alto. Si può fare salendo sulle sue possenti mura, sulla Torre Guinigi o affrontando i 207 scalini della ancora più alta Torre delle Ore. Questi punti offrono uno splendido sguardo d'insieme che permette di apprezzarne la bellezza e l'armonia e ritrovare la stessa struttura urbanistica voluta dai romani.

Cosa visitare a Lucca

  • La Piazza dell’Anfiteatro è stata costruita a partire dal 1830 riprendendo l’antico tracciato dell’anfiteatro romano. La costruzione sacrificò gran parte delle costruzioni romane ivi presenti. L’armonia di Piazza Anfiteatro si coglie ammirandola dal centro ed è dovuta in gran parte all’assenza di grandi aperture. L’accesso alla piazza, infatti, avviene da quattro piccole porte a volta e questo le dà l’aspetto di “piazza chiusa”. Il punto di intersezione tra le 4 porte è indicato da una mattonella in ceramica posta al centro della piazza.
  • C’è stato un tempo, nel Medioevo, in cui a Lucca c’erano 250 torri di ogni dimensione. Oggi ne restano solo due: la Torre Guinigi e quella “delle Ore”. La Torre Guinigi, voluta dalla ricca e potente famiglia di mercanti lucchesi del XV secoli, è alta 45 metri e sulla sommità ha un giardino pensile in cui crescono dei bellissimi lecci secolari. La Torre delle Ore è un richiamo irresistibile per tutti gli appassionati di meccanismi per misurare il tempo, l’orologio installato nel 1754 funziona ancora oggi a carica manuale ed ha il meccanismo a vista.
  • La prima cosa che si nota del Duomo dedicato a San Martino è l’asimmetria del lato destro della facciata che si dovuta adattare alla già esistente torre campanaria. Sulla facciata policroma che si ispira al Duomo di Pisa c’è la statua di San Martino Sul lato destro c’è un labirinto che si rifà al mito di Arianna e Teseo.

Le Mura di Lucca

Non ci si accorge della maestosità delle Mura di Lucca fino a quando non ci si mette piede sopra. Non è tanto l’altezza a stupire (12 metri) ma la lunghezza di 4 chilometri e la larghezza di 30 metri. Sono l’unico esempio di mura difensive dell’età moderna arrivate intatte fino ai nostri giorni. Furono costruite tra il 1504 e il 1645 su un progetto di Alessandro Farnese e, per fortuna, non sono mai servite per difendere la città se non per salvare il centro di Lucca dalla violenta piena del fiume Serchio del 1812.

CHIAMA

POSIZIONE

PRENOTA

Back to top